BOCCADIGABBIA

Boccadigabbia era uno dei “cento poderi” della Amministrazione Bonaparte di Civitanova, una vasta tenuta che per oltre un secolo fu un importante esempio di moderna e organizzata agricoltura; come in tutti i poderi dell’Amministrazione, nella antica casa colonica di Boccadigabbia troviamo ancor oggi una vecchia formella di ceramica che riporta il nome del podere sormontato dallo stemma napoleonico della “N” coronata.
Boccadigabbia ha oggi una estensione di quasi 10 ettari, interamente coltivati a vigneto; si trova nella contrada Castelletta di Fontespina, sulle prime colline che dal mare Adriatico salgono verso l’antico borgo di Civitanva Alta. La sua felice esposizione verso Sud e la dolcezza del clima mitigato dalla vicinanza del mare, hanno fatto ritenere da sempre che Boccadigabbia fosse particolarmente vocato per la coltivazione delle uve da vino.
Alla fine degli anni sessanta, quando si decise di destinare tutto il podere alla coltura intensiva della vite, furono piantati vitigni allora consigliati per la produzione di vini da tavola locali; purtroppo ciò provocò la perdita dei vitigni antichi, direttamente derivati da quelli fatti impiantare nell’ottocento dall’ing. Hallaire, agronomo francese sovraintendente generale di Napoleone III°.
Per rimediare a questa perdita, nel 1986 viene avviato un programma di rinnovo del vigneto decidendo di ripiantare vitigni francesi già coltivati anticamente come Cabernet, Merlot e Pinot Nero, nel tentativo, ormai pienamente riuscito, di riprodurre la antica e proverbiale qualità delle uve della Amministrazione Bonaparte.

TENUTA LA FLORIANA

Nel 1996 la famiglia Alessandri, proprietaria di Boccadigabbia, ha acquistato un’altra azienda di antiche tradizioni, la tenuta Floriana situata sulle generose colline di Montanello, nei pressi della città di Macerata, nel cuore delle Marche, a circa 25 kilometri dal mare Adriatico. Nell’archivio dei Conti Compagnucci Compagnoni Floriani di Villamagna, antichi proprietari del fondo e iniziatori della attività vitivinicola, si conserva una lettera inviata nel 1626 dall’antenato Pietro Paolo Floriani al cognato che si occupava delle sue proprietà in Macerata, dove si dispone con competenza e minuziose prescrizioni la messa a dimora di viti nel podere della Palombara a Montanello. Pietro Paolo Floriani fu un importante personaggio storico che diede lustro alla città di Macerata per la sua vita avventurosa di uomo d’arme, letterato e architetto militare.

In questa prestigiosa tenuta, così importante per la conservazione delle tradizioni vitivinicole locali, si coltivano, per una estensione di circa 25 ettari, vitigni autoctoni quali Montepulciano, Sangiovese, Maceratino e Verdicchio.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi